table wine shadow macro
table wine shadow macro

Consiglio sul vino

Assaporare alla perfezione del vino dipende da diversi fattori, come la temperatura, il bicchiere, il sughero e l’ambiente.

Quando si acquista del vino bisognerebbe fare attenzione ad alcuni dettagli in modo che l'acquisto diventi qualcosa di speciale. Le cantine di vini, i negozi e le enoteche saranno lieti di consigliarvi e sostenervi - sia che si tratti delle vostre preferenze in fatto di vino o di pietanze accompagnate da del vino. Non importa, quanto la qualità del vino sia alta, bicchiere, temperatura, sughero e ambiente influiscono sul suo sapore. Per i neofiti le varietà di vino bianco più adatte sono quelle con bassa acidità, come il Pinot bianco e il Pinot grigio mentre per il vino rosso sono vini come il Cabernet Sauvignon e il Merlot.

Il detto "Il vino rosso si beve a temperatura ambiente" risale ai tempi in cui nelle case faceva molto più fresco rispetto ad oggi, per questo si consiglia di conservarlo in una dispensa fresca. Questa è la temperatura di servizio ideale:


  • Vini rossi, corposi ma eleganti: 12 - 14° C
  • Vini rossi, corposi: 14 - 16° C
  • Vini rossi, robusti: 16 - 18° C
  • Rosè: 10 - 12° C
  • Vini bianchi: 8 - 10° C
  • Vini dolci: 5 - 6° C
  • Spumante: 6 - 8° C

Anche il bicchiere utilizzato ha importanza: più è forte un vino rosso, meglio si adatta un bicchiere alto con grande volume. Per i vini leggeri invece è necessario un bicchiere di forma rotondeggiante che premette un maggiore contatto con l'ossigeno: il vino appare più intenso. Anche per i vini bianchi valgono queste regole, ma i bicchieri solitamente sono più piccoli. Per contrastare il sentore di "tappo" che rovina il sapore del vino, vengono offerte sempre più bottiglie con tappi a vite Long-Cap e Stelvin, caratterizzati da una permeabilità all'ossigeno estremamente bassa.

Anche l'ordine in cui vengono offerti i vini durante una degustazione ha importanza: i vini bianchi vanno serviti prima di quelli rossi, i vini secchi prima di quelli dolci, i vini leggeri prima di quelli forti e i giovani prima di quelli più vecchi. Odori di cibo o di fumo non dovrebbero essere presenti, per potersi così completamente concentrare sulle singole note, sul colore, sulla brillantezza e sugli eventuali depositi. Se si dovesse verificare un piccolo guaio è utile sapere che le macchie di vino rosso si tolgono con il sale, poiché assieme all'umidità assorbe anche i coloranti del vino. Le macchie secche invece si possono togliere con del detergente per i vetri e anche il latte può aiutare.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

Suggerimenti ed ulteriori informazioni