Kekse
Kekse

Biscotti natalizi

La storia dei biscotti di Natale risale al solstizio d’inverno nei tempi precristiani.

Anche allora, si preparavano pani sacrificali per scacciare i demoni in questo periodo buio dell'anno. Il pane sacrificale divenne poi lo Stollen di Natale in relazione alla festa cristiana del Natale. Per commemorare la nascita di Gesù, era comune, sopratutto nei monasteri nel Medioevo, preparare squisiti dolci cotti al forno. Ma non tutti avevano a disposizione ingredienti costosi come la frutta secca e il miele. Era più economico - e non meno gustoso - mescolare farina, burro e zucchero e farne dei piccoli biscotti.

Oggi, nei mercatini di Natale e nelle panetterie e pasticcerie circostanti viene offerta una grande varietà di biscotti. Ci sono i pani di zenzero profumati, le stelle di cannella, originarie della Svevia, e le mezzelune alla vaniglia, un biscotto ideale per il tè. Le piccole mezzelune di farina, burro, zucchero, vaniglia e mandorle grattugiate (o altre noci), se preparate correttamente, si sciolgono letteralmente in bocca. Oggi ci sono innumerevoli altre varianti di biscotti, che vengono spesso fatti in casa ed emettono il loro aroma inconfondibile: "Spitzbuben" con succosa marmellata di albicocche, i cosiddetti „domino“ fatti di pasta chiara e scura, i „Bethmännchen“ con marzapane e mandorle intere e biscotti di pasta frolla.

Nelle famiglie i bambini si divertono a fare biscotti a forma di stelle e pupazzi di neve, cuori e campane con gli stampini per biscotti.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

Suggerimenti ed ulteriori informazioni